Home » Il Pozzo » Anno 2018 » Ottobre 2018 » La Campania ad Assisi il 3 e il 4 Ottobre donerà l’olio per la lampada votiva di San Francesco 
Martedì 2 Ottobre 2018
La Campania ad Assisi il 3 e il 4 Ottobre donerà l’olio per la lampada votiva di San Francesco   versione testuale
La nostra diocesi presente con un delegazione







Il giorno della festa di San Francesco si avvicina. La nostra diocesi sarà presente, insieme alle altre diocesi della Campania ad Assisi, per rendere omaggio al Santo patrono d’Italia, caro a tanti fedeli delle nostre terre.
Il nostro Vescovo accompagnato da una piccola delegazione, parteciperà alle celebrazioni organizzate dal Santuario di Assisi.
Presente ad Assisi per la Festa di San Francesco anche la Parrocchia di San Giovanni Evangelista di Bonea, accompagnata dal suo parroco.
 
Lettera dei Vescovi della Campania
“In letizia, nonostante tutto”
Pellegrinaggio regionale (3-4 ottobre) ad Assisi
con l’offerta dell’olio per la Lampada del Santo Patrono d’Italia
Sorelle e fratelli nella fede in Cristo Gesù,
quest’anno la Regione Campania porterà in dono ad Assisi (4 ottobre) l’olio per la Lampada di san Francesco. Il Santo di Assisi ci è dato come modello perché ciascuno di noi possa meglio seguire, e con gioia, le orme di Cristo (1Pt 2,21). San Francesco mostra infatti come solo assumendo in pienezza la logica della croce, che tante volte cerchiamo di evitare, possiamo trovare la perfetta letizia e quella segreta dolcezza che Dio rivela ai suoi amici.
La gioia sana, tratto distintivo delle genti campane, deve quindi accompagnarci ancora, anche in anni difficili come i nostri, in cui molte famiglie sono in ristrettezza e molti dei nostri giovani devono emigrare per cercare lavoro altrove.
Poiché, afferma il Santo di Assisi, «dove è povertà con letizia, / ivi non è cupidigia né avarizia», e «dove è il timore del Signore a custodire la sua casa, / ivi il nemico non può trovare via d’entrata» (Ammonizione XXVII). Da parte sua, Papa Francesco insegna che la lotta dura che il cristiano è chiamato a combattere con se stesso per mantenersi fedele al Vangelo «non implica uno spirito inibito, triste, acido, malinconico, o un basso profilo senza energia»; chi infatti testimonia senza reticenze la propria fede «è capace di vivere con gioia e senso dell’umorismo. Senza perdere il realismo, illumina gli altri con uno spirito positivo e ricco di speranza» (Gaudete et exsultate, 122).
Anche per questo ci rechiamo ad Assisi, per trarre un nuovo entusiasmo nel vivere la fede. Il pellegrinaggio delle nostre diocesi nei giorni 3-4 ottobre, sarà perciò un vero momento di festa. Invitiamo tutti, parrocchie, realtà ecclesiali, associazioni, movimenti e gruppi, singoli fedeli, soprattutto i giovani, ai quali sarà dedicato un apposito Sinodo, a unirsi a noi (seguirà un programma più dettagliato); chi invece non potrà accompagnarci fisicamente, lo faccia con la preghiera.
I vostri Vescovi